Medio Oriente: alla conferenza l'accordo è possibile

L'Unita, intervista di Umberto De Giovannangeli a David Harris
10.9.2007

"Middle East: An agreement is possible at the conference"

The international conference on the Middle East is an occasion not to be lost. To explain the reasons for this is David Harris (DH), executive director of the American Jewish Committee, the most influential Jewish organization in the U.S. And because the Israeli-Palestinian peace process could move forward, Itlay can play a very important role, said Harris who recently met in Rome with President of the Council, Romano Prodi, and Minister of Foreign Affairs Massimo D'Alema.

In mid-November, there should be in Washington a conference on the Middle East. What are your thoughts about the conference and what should the key elements be?

DH: Any serious effort to advance peace prospects in the Middle East should be welcomed. This conference offers such a possibility. There appears to be a convergence of interests - and needs - among the key players, particularly the Palestinian Authority, Israel and the United States. Each would like to see concrete achievements. This creates a framework for potentially productive negotiations.

That said, we need to be cautious. The history of Arab-Israeli peacemaking is littered with failed plans and lost opportunities, along with previously unimaginable successes, such as Israel's peace treaties with Egypt and Jordan. Expectations should be tempered by realities. The relative political weakness of the key parties, due to their internal political dynamics, cannot be overlooked.

Moreover, there is the question of the optimal timing for such a conference. "Too soon," and it could produce disappointment because of insufficient advance work. "Too late," and the chance may have evaporated because of new circumstances on the ground.

International diplomacy is fully occupied preparing for the conference. One of the most pressing issues concerns the participants. Who should be around the table?

DH: The best formula for a successful outcome, history has demonstrated, is when the key parties meet alone, or with the assistance of a third party, such as the United States. Egypt and Jordan, both of which have a major stake in the conference's outcome, can be helpful. The presence of other important Arab countries, such as Saudi Arabia, could send a powerful message of support; other moderate Gulf states, as well as Morocco and Tunisia, which have been involved in Arab-Israeli dialogue in recent years, can play important roles. The more the Israel feels that other nations in the region view it as permanent and unassailable, the more likely it is to view such a conference as a possible turning point.

Israeli Prime Minister Olmert and Palestinian President Abu Mazen are attempting to reach an agreement for the conference that will create a basis for an accord in principle. From your point of view, what should such an accord endorse or ratify? (More generally,  what is your idea for a just peace between Israelis and Palestinians?)

DH: The contours of an eventual Israeli-Palestinian final settlement are no mystery. While at this point we can only speculate on all the details, the Barak-Clinton plan of 2000-1 offers the outline of what an accord might look like. Regrettably, that plan was rejected by Yasir Arafat, a point made repeatedly by President Clinton. My guess is that the plan will resurface, along with other ideas that have emerged more recently. But this conference is more likely to focus on an interim accord, which would include greater security assurances for Israelis and greater freedom of movement for Palestinians, as well as a clearer timetable for the emergence of a Palestinian state alongside Israel.

Regarding Hamas, the three conditions for engagement have not been met, and therefore the international community is right to continue its political isolation of a group named by the EU and U.S. as a terrorist organization. Every effort must be made to ensure that Hamas does not sabotage any progress achieved. Easier said than done, I realize. The operative theory today is that the people of Gaza, on seeing progress in the West Bank, will realize that Hamas is leading them down a blind alley.

In recent days you had meetings with the hightest levels of Italian government, including Prime Minister Romano Prodi and Foreign Minister Massimo D'Alema. What impressions do you have of these meetings? What do you look for from Italy?

DH: We were warmly received by Prime Minister Prodi, Foreign Minister D'Alema and other officials. Our talks were of particular importance because of Italy's key role in the Middle East. During our week in Rome, the prime minister traveled to Jordan, while the foreign minister visited the West Bank, Egypt and Israel. Meanwhile, notable leaders from Israel, Lebanon, Syria and Iran visited Rome. And, of course, Italy has longstanding ties with many key players in the region and today leads the UNIFIL force in southern Lebanon.

Our meetings focused on four topics-Iran, Lebanon/Syria, Israeli-Palestinian issues, and the UN Human Rights Council. In our view, the international community, particularly the UN Security Council, and the European Union, which cumulatively represents 40 percent of Iran's foreign trade, must press ahead, including stepped-up sanctions, in the search for a diplomatic solution to end Iran's quest for nuclear weapons. Second, to achieve peaceful conflict resolution, it is vitally important to maintain the consensus on isolating Hamas. Third, Syria cannot be permitted to meddle in Lebanon's internal affairs, ship weapons across the border to Hezbollah, and get away with the murder of Lebanon's Rafik Hariri at the same time while expecting legitimacy and support from Western nations. And finally, Italy has just been elected to the UN Human Rights Council, which was created in 2006 on the rubble of the failed Human Rights Commission. Tragically, however, rather than protect human rights, the new body risks becoming as morally bankrupt as its predecessor. It is our hope that Italy can help reverse the process of politicization, including the obsessive, one-sided focus on Israel, and create a UN institution that fulfills its noble purpose of safeguarding human rights for all.

 

"Medio Oriente, alla conferenza l'accordo è possibile"


di Umberto De Giovannangeli


La Conferenza internazionale sul Medio Oriente: un'occasione da non perdere. A spiegarne le ragioni è David Harris, Direttore esecutivo dell'American Jewish Committee, la più influente associazione ebraica degli Usa.  E perchè il processo di pace israelo-palestinese possa svilupparsi positivamente l'Italia può svolgere un ruolo di grande importanza, rileva Harris, che nei giorni scorsi ha incontrato a Roma il presidente del Consiglio Romano Prodi e il ministro degli Esteri Massimo D'Alema.


1) A metà novembre dovrebbe svolgersi a Washington l'incontro internazionale sul Medio Oriente. Cosa pensa di questa Conferenza e quali sono le sue aspettative?


Qualunque serio sforzo mirato a far avanzare le prospettive di pace nel Medio Oriente deve essere benvenuto. Questa conferenza offre tale possibilità. Sembra esserci una convergenza di interessi - e di necessità - fra i giocatori chiave, particolarmente l'Autorità palestinese, Israele e gli Stati Uniti. Ad ognuno, piacerebbe vedere risultati concreti. Questo crea una cornice operativa per negoziazioni potenzialmente produttive. 


Ciò detto, abbiamo bisogno di essere cauti. La storia del processo di pace arabo-israeliano è costellata di piani falliti e opportunità perdute, insieme a successi prima inimmaginabili, come i trattati di pace di Israele con Egitto e Giordania. Le aspettative devono essere temprate dal realismo. La relativa debolezza politica delle parti chiave, dovuta alle loro dinamiche politiche interne, non possono essere trascurate.


C'è inoltre la questione del tempo migliore per tale conferenza.  Troppo presto, potrebbe produrre delusione a causa di un insufficiente lavoro preparatorio. Troppo tardi, e l'opportunità potrebbe sfumare a causa di circostanze nuove sul terreno. 


2)La diplomazia internazionale è impegnata a tempo pieno nella preparazione di questo incontro. Uno dei problemi più scottanti riguarda i partecipanti all'incontro. A suo avviso chi dovrebbe sedere attorno al tavolo?


La migliore formula per un buona riuscita, e la storia lo ha dimostrato, è quando le parti chiave si incontrano da sole, o con l'assistenza di una terza parte, come gli Stati Uniti. Egitto e Giordania, i quali hanno entrambi notevole interesse ad una buona riuscita della conferenza, possono essere utili. La presenza di un altro importante paese arabo, come l'Arabia Saudita, potrebbe spedire un potente messaggio di appoggio; altri stati moderati del Golfo, così come Marocco e Tunisia, che sono stati coinvolti nel dialogo arabo-israeliano in anni recenti, possono avere importanti ruoli. Più Israele sente che le altre nazioni nella regione lo vedono come permanente e inattaccabile, più è probabile che  veda tale conferenza come una possibile svolta. 


3)Il premier israeliano Ehud Olmert e il presidente palestinese Abu Mazen stanno cercando di giungere alla Conferenza avendo già gettato le basi di un "Accordo di principio". Dal suo punto di vista, cosa dovrebbe sancire un tale accordo? e più in generale qual è la sua idea di una pace giusta tra israeliani e palestinesi?


I contorni di un eventuale accordo finale tra israeliani e palestinesi non sono un mistero. Mentre a questo punto noi possiamo solamente speculare sui vari dettagli, ricordiamo che il piano Barak-Clinton del 2001 offriva il contorno di quello che probabilmente somiglierà all'accordo finale. Purtroppo, quel piano fu rifiutato da Yasser Arafat, come ripetutamente confermato dall'ex Presidente Clinton. La mia supposizione è che il piano riemergerà,  insieme ad altre idee che sono emerse più recentemente. Ma questa conferenza è più probabile che si concentri su un accordo provvisorio, che includa più solide garanzie di sicurezza per gli israeliani e più grande libertà di movimento per i palestinesi, così come tempi più chiari per la comparsa di uno stato palestinese accanto ad Israele. 


Riguardo a Hamas, le tre condizioni per la trattativa non sono state soddisfatte, e perciò la comunità internazionale fa bene a continuare l'isolamento politico di un gruppo definito dall'UE e dagli Stati Uniti come un'organizzazione terrorista. Ogni sforzo deve essere fatto per assicurarsi che Hamas non saboti i progressi realizzati. Più facile a dirsi che a farsi, lo comprendo. La teoria operativa oggi è che la gente di Gaza, nel vedere i progressi che si compiranno nella  Cisgiordania, comprenda che Hamas sta conducendoli in un vicolo cieco.


4)Nei giorni scorsi Lei ha avuto modo di incontrare a Roma le massime cariche di governo italiane, dal premier Romano Prodi al ministro degli Esteri Massimo D'Alema. Cosa si attende dall'Italia?


Siamo stati ricevuti con grande calore dal Presidente del Consiglio Prodi, dal Ministro degli Esteri D'Alema, e da altri esponenti del governo e dell'opposizione. I nostri colloqui sono stati di particolare importanza per il ruolo chiave che l'Italia svolge nel Medio Oriente. Durante la nostra settimana a Roma, il Presidente Prodi ha visitato la Giordania, mentre il Ministro D'Alema ha visitato la Cisgiordania, l'Egitto e Israele. Nel frattempo, importanti leader di Israele, Libano, Siria e Iran visitavano Roma. E chiaramente l'Italia ha legami di vecchia data con molti giocatori chiave nella regione ed oggi guida le forze UNIFIL nel Libano meridionale. 


I nostri incontri si sono concentrati su quattro temi fondamentali: Iran, Libano/Siria, questione israelo-palestinese, ed il Consiglio dei Diritti umani dell'ONU. Dal nostro punto di vista, la comunità internazionale, particolarmente il Consiglio di Sicurezza dell'ONU e l'Unione Europea, che cumulativamente rappresentano il 40% del commercio estero dell'Iran, debbono esercitare pressioni, incluso un incremento delle sanzioni, alla ricerca di una soluzione diplomatica per porre fine alla corsa iraniana alle armi nucleari. Secondo, per una soluzione pacifica del conflitto è molto importante mantenere compatto l'isolamento di Hamas. Terzo, alla Siria non può essere permesso di immischiarsi negli affari interni del Libano, portare armi attraverso il confine a Hezbollah, di farla franca con l'assassinio del l'ex premier libanese Rafik Hariri e allo stesso tempo di aspettarsi la legittimità e il sostegno delle Nazioni occidentali.


Infine, l'Italia è stata appena eletta al Consiglio per i Diritti Umani dell'ONU, creato nel 2006 sull'onda del fallimento della Commissione per i Diritti Umani. Tragicamente, piuttosto che proteggere i diritti umani, il nuovo organismo rischia la stessa bancarotta morale del suo predecessore. È  nostra speranza che l'Italia possa aiutare ad invertire il processo di politicizzazione, incluso l'ossessivo fuoco unilaterale su Israele, e a creare una istituzione dell'ONU che adempia al suo nobile scopo di salvaguardare i diritti umani per tutti. 

 

Copyright 2014/2015 AJC